Cappellaio matto

Per le nuove tendenze e mode dell’autunno/inverno 2012 c’è ancora tempo… oggi vi voglio parlare di cappelli d’autore!

La figura del cappellaio è diventata via via sempre più rara ma ci sono ancora delle case che mettono al servizio degli amanti del cappello, il loro savoir-faire e propongono ogni anno creazioni eccezionali di una classe e stravaganza spesso indescrivibili!

Come non menzionare la famosa Maison Michel nata a Parigi nel 1936 grazie ad Auguste Michel. Le creazioni di questa casa si caratterizzano per i metodi artigianali e per la particolarità delle cuciture invisibili. Questa cappelleria ha iniziato a collaborare con l’haute couture francese negli anni ’70 e ’80: Pierre Cardin, Yves Saint Laurent, Chanel, Givenchy, Nina Ricci, Lanvin, Christian Lacroix hanno proposto sulle loro passerelle i suoi cappelli.

Clemence Poesy pour Maison Michel
Photo: Karl Lagerfeld

La cappelleria viene rilevata da Chanel nel 1996 e, dal 2003 è Laetitia Crahay, responsabile accessori di Chanel, a curarne la direzione artistica.

In Italia l’arte del cappello vine ancora sviluppata in alcuni atelier e in alcune zone dedite alla produzione di questi accessori, come l’area di Biella.

La mia attenzione è stata attirata da una cappelleria che ha sede invece a Forlì e che presenta delle collezioni davvero originali e piene di carattere. Si tratta della cappelleria Le Chapeau.

Cappelleria Le Chapeau

La collezione estiva è davvero molto fresca ed invitante e tra i vari modelli proposti, i miei preferiti sono questi. L’unione di panama e chiffon rende questi cappelli davvero femminili e leggiadri. Eleganti per accessoriare un abito da cerimonia come il modello LC 1152 o LC 8208 oppure divertenti per una gita al lago o per vivere una spiaggia da sogno. In questo senso ideali sarebbero il cappello  LC 1181,  il modello LC 1185 o LC 1180.

Selezione Primavera/Estate per Le Chapeau

A questo punto non ci resta che sorseggiare una bella tazza di tè per festeggiare un buon non compleanno!

Annunci

Madeleine: tra gastronomia e moda

Uno dei miei dolci francesi preferiti sono le Madeleines. Le ho sempre acquistate in sacchettoni e non mi sono mai avventurata in una realizzazione fai da te. Questo perchè è un dolce preparato in genere dalle nonne e come è noto, quando sono solo le nonne ad occuparsene significa che è di difficile realizzazione…solo l’esperienza delle nonne può mirare ad un risultato sicuro.

L’altra mattina però mi sono detta, “tentar non nuoce” e magari ci riesco anch’io. E così ho iniziato a preparare gli ingredienti e a realizzare il tutto. Il risultato? Direi piuttosto buono per essere la mia prima volta in materia di Madeleines 🙂

E con grande sorpresa vi garantisco che questa ricetta è molto semplice e che vi assicurerete una colazione con i fiocchi per tutta la settimana.

Ingredienti:

3 uova intere

250 g farina

200 g zucchero

125 g burro

5 cucchiai da zuppa di latte

1 bustina di zucchero vanigliato

1 bustina di lievito

Unite in una ciotola le uova, il latte, lo zucchero, la farina, lo zucchero vanigliato e il lievito. Mescolate bene fino ad ottenere una bella pasta liscia. A questo punto unite il burro che avrete precedentemente fuso. Continuate a mescolare fino ad amalgamare il tutto. Coprite la ciotola con un panno pulito e lasciate riposare 2 ore. Se amate la vaniglia, l’arancio, il limone, il rum etc potete aggiungere questi aromi secondo i vostri gusti. Se siete poi viziosi come me, potete optare anche per pezzettini di cioccolato fondente che inserirete nell’impasto. Una volta trascorse le 2 ore potete imburrare le formine, inserire l’impasto e infornare.

Per la cottura ci vogliono 6 minuti a 220° e 4 minuti a 200°. Con le dosi riportate sopra potrete realizzare 36 Madeleines.

Le formine adatte sono ad esempio queste che troverete anche su Pavonidea:

Stampo Madeleines in silicone

Madeleines

Madeleines al cioccolato

L’altra Madeleine di cui vi voglio parlare si inserisce all’interno del quadro del mondo e della storia della moda. Si tratta di Madeleine Vionnet fondatrice della Maison Vionnet nel 1912.

Madeleine Vionnet

Madeleine insieme a Coco Chanel è una delle prime stiliste a combattere l’ingombro e lo sfarzo degli abiti femminili dell’Ottocento. Madeleine Vionnet è soprattutto famosa per aver inventato il taglio in sbieco ossia in diagonale a 45° rispetto al verso della trama e dell’ordito. Quello che chiamiamo oggi l’effetto sfiancato. Questa tecnica ha rivoluzionato l’abito femminile che pur mantenendosi aderente alle sensuali linee femminili ha permesso di eliminare corpetti e scomodi lacci dal guardaroba. Tutti i vestiti a sirena delle dive più acclamate degli anni 30 e 40 si basavano sulla visione stilistica di Mme Vionnet.

Vestito Vionnet

Questo tipo di taglio è oggi di difficilie realizzazione perchè la lavorazione di questa famosa stilista era particolarissima e molto personale. Dopo la guerra la Maison Vionnet fu costretta a chiudere ma il marchio e lo stile di questa marca storica sono state rilevate da  Matteo Marzotto nel 2008. Lo stile e la linea sono curate da Barbara e Lucia Croce. Le realizzazioni del marchio Vionnet. sono oggi tutte caratterizzate da un’indiscutibile freschezza e qui sotto troverete alcuni modelli presentati per la stagione autunno-inverno 2012.

Sapore di sale, sapore di mare

Dopo qualche mese di inattività ho ritrovato l’ispirazione. Il sole che scalda le nostre giornate mi ha riportato subito ad un’accesa voglia di mare ed è proprio di questo che ho deciso di parlarvi!
Mare significa vacanze e mentre preparo le mie valigie (…finalmente…) penso alla mise perfetta per una vacanza “alla Capri”.
Penso alla pubblicità del profumo Light Blue di Dolce & Gabbana e il sogno inizia!
Ma torniamo alla realtà! Quello che prediligo è uno stile piuttosto chic come quello adottato da Jackie Kennedy:

Ci vuole è un costume semplice dai colori sobri, facili da portare e capelli ben pettinati. Per valorizzare il tutto, un accessorio come un bracciale o un paio di orecchini. Il resto è tutto in più.
La moda del momento è il piede nudo quindi niente zoccoli e niente ciabatte. Un bel colpo di smalto vestirà i vostri piedi. I colori chic dell’estate sono il color nude (d’altronde evergreen…), il blu topazio e il color tangerine, proclamato colore dell’anno da Pantone .

Per la spiaggia 2012

Per quanto riguarda la sezione gastronomica, chic è il finger food. Quello che propongo è un aperitivo in riva al mare o sotto l’ombrellone, accompagnato da un flut di Prosecco o da un bel bicchiere di Perrier . Abbiniamo queste bollicine a un involtino di fichi neri e Prosciutto di San Daniele .
Buone vacanze!

Nella proposta “Spiaggia 2012” trovate:

Occhiali Ray Ban; Costume intero Golden Point; Crema protezione solare Uriage; bracciale Etoile Urbaine; ; prodotto per capelli Kerastase; Smalto Chanel.