Les Alpes de Doisneau

Delle foto di vita di montagna?
Quando si parla di Doisneau lo spettacolo è da non perdere!
E in effetti la città di Grenoble ha deciso di festeggiare il centenario di questo famoso fotografo, proponendo un’esposizione interamente dedicata alle foto “montagnine” di questo artista.
Sicuramente il vostro sguardo si è soffermato almeno una volta su questa immagine:

Le Baiser de l'hôtel de ville

 

Ebbene sì è proprio di questo fotografo che stiamo parlando.

La mostra è un susseguirsi di foto spettacolari scattate a partire dal 1936. I luoghi immortalati sono quelli dell’Alta Savoia e in particolare di Megève e Chamonix-Mont-Blanc.

doisneau 2

doisneau 3

doisneau sost

Belle vero? E queste non sono solo che alcune foto dell’esposizione che si terrà fino al 14 aprile 2013 presso il Musée de l’Ancien Evêché a Grenoble (France).

L’aria di montagna mi ispira un bel risotto… Che ne dite di un zucchine, pancetta e zafferano?

risotto

Preparate un po’ di brodo vegetale con il dado o mettendo a bollire una carota una cipolla e un po’ di sedano. In una pentola anti aderente mettete 120 g di pancetta (affumicata ha più gusto). Quando ha cambiato colore inserite una zucchina sempre tagliata a dadini e fate andare aggiungendo magari un pochino di brodo. A questo punto aggiungete 4 tazzine da caffé ( = 4 porzioni) colme di riso (carnaroli è il top). Amalgamate il tutto per qualche minuto e inserite una fialettina di zafferano. Continuate ad aggiungere il brodo fino a terminata cottura (20 min circa). Se volete regalare un tocco di cremosità in più fate sciogliere una sottiletta nel risotto prima di servire!

Gnammy!!!

Vaporosa

Buongiorno a tutti!
Pensate che a cavallo tra gli anni ’50 e gli anni ’60 trovare un capo d’abbigliamento un po’ particolare non era cosa da poco…Se ad esempio avessi voluto i pantaloni a sigaretta a pois che Brigitte Bardot indossava a Spoleto, sarei dovuta andare direttamente da Vachon a Saint Tropez o in Costa Azzurra.

brigitte bardot a spoleto

I due maggiori poli per quanto riguarda lo stile erano infatti Saint Tropez e Saint-Germain-des Prés.

Erano anni in cui gli stilisti si ispiravano guardando la gente per strada e in piazza per dare vita ad una moda adatta a tutti. In questo framework nasce anche Cacharel, fondata da Jean Bousquet. A rendere famosa la marca, una camicia in crépon, materiale utilizzato allora per la realizzazione di lingerie. La foto emblema di questa innovazione la ritroviamo nella copertina di Elle nel 1966, dove Nicole de Lamarge indossa la famosa camicia rosa. L’immagine è stata realizzata da Peter Knapp.

cacharel

Vi è venuta voglia di primavera? A me sì!
Aspettando…mettiamo in tavola un po’ di allegria e leggerezza!
Che ne dite di un antipasto velocissimo e dall’effetto vaporoso?
Vi propongo Valeriana alla scorza di limone tonno e Provola.
Ingredienti semplici, sapore allegro: il trucco stà nel dressage!

– Valeriana

– Scorza di mezzo limone

– Pezzetini di tonno in scatola

– Scaglie di Provola

valeriana

Condite al limone!

Famedimoda

A forma di cuore

La cucina riscalda i cuori soprattutto quando piove!
Ebbene sì… visto il tempo uggioso di oggi mi sono dedicata alla creazione di un bel cuor caldo caldo!!!

 

Cuore al cioccolato

Per realizzarlo vi occorrono:

-100 g zucchero in polvere

– sacchettino zucchero alla vaniglia

-250 g di farina

-1 sacchettino di lievito in polvere

-80 g di burro fuso

-250 ml di latte

– 1 uovo

-1 pizzico di sale

-una manciata di pepite al cioccolato

Preparate due recipienti: uno dedicato all’unione degli ingredienti secchi e uno dedicato a quelli diciamo umidi.

Quindi inserite e mescolate nel recipiente A lo zucchero, zucchero alla vaniglia, farina, lievito e il pizzico di sale.

Nel recipiente B invece mettete in ordine il burro fuso, l’uovo e il latte. Mescolate il tutto e unitelo sempre mescolando agli ingredienti del recipiente A.

A questo punto potete unire all’impasto le pepite di cioccolato.

Imburrate gli stampini a forma di cuore…meglio se in ceramica e infornate a 180° per 20-25 minuti. Il gioco è fatto e il cuore è servito!

Ideale per una merenda calda calda o un risveglio alle coccole!

Per chiudere il cerchio ho trovato un’idea a cuore niente male, originale ed economica. Date un’occhiata al sito Creatività Organizzata.

Effetto pomme d’amour!

Rosso…tinta calda e ricca di significato.
Si tratta di una nuance che troviamo spesso anche in cucina e che viene utilizzata sempre più spesso nei dressage dei vari piatti per attirare l’attenzione e …l’appetito del commensale.
Quando penso al rosso, l’immagine che si stampa nella mia mente è quella della pomme d’amour. Questa confiserie la ritroviamo spesso alle fiere francesi o in mano a qualche bambino goloso 😉 Si tratta semplicemente di una mela ricoperta da zucchero liquefatto e solidificato di color vermiglio. Segni particolari: assolutamente appetitosa!
Lo zucchero caramelizzato protegge in qualche modo l’essenza del prodotto, della materia prima, e lo esalta all’infinito! Perchè quindi utilizzarlo solo per le mele? Dopo essermi posta questa domanda ho iniziato a sperimentare, puntando anche sul contrasto dolce/salato che tanto mi piace. Ho trovato due soluzioni che potrebbero aiutarvi in occasione di qualche aperitivo o per un dessert fresco e non troppo impegnativo.
Andiamo quindi per ordine!
Per l’aperitivo o per accompagnare le vostre bollicine in un momento speciale vi propongo dei pomodorini in vernice pistacchio e sesamo.
Preparazione: semplicissima
Effetto: mozzafiato

Per 10 pomodorini mignon vi servono:

una tazzina di miele

una tazzina di zucchero

10 pistacchi tritati

5 cucchiaini di sesamo

La preparazione è semplice e veoloce. In un pentolino fate caramellizzare il miele e lo zucchero: potete aggiungere qualche goccia di acqua se l’impasto vi sembra troppo denso. Infilate un bastoncino medio lungo in ogni pomodirno e immergetelo nel preparato. Passate ora il pomodorino nel melange pistacchi e sesamo. Riponete in frigo ed estraete il tutto poco prima di degustare.

L’effetto sarà questo!

Tomates d'amour

Tomates d’amour

 

 

E per completare il quadretto ci vorrebbe un bel Rosso Valentino

VALENTINO