Una ciliegia tira l’altra

Ebbene sì, contro tutte le malelingue dei giorni scorsi, l’Italia  ha vinto la sua prima partita di questo modiale. Devo dire che guardare la competizione a mezzanotte proprio non mi allettava come idea… noi mamme, fatta una certa, desideriamo solo il nostro letto. In ogni caso mi sono armata di buona volontà e ovviamente di carica positiva e mi sono spalmata sul divano con il mio compagno e Cocotte the dog. Tra un gol e l’altro ho comunque iniziato a pensare ad una nuova ricetta questa volta un dessert. Avevo una gran voglia di ciliegie e quindi diciamo che mi sono concentrata un po’ su questo ingrediente.

Oggi quindi mi sono messa a sperimentare e sono riuscita a realizzare questa mousse di cocco su gelée de ciliege.

foto(18)Ingredienti per la mousse di cocco:

  • 20 cl di crema di cocco
  • 15 cl di panna liquida
  • 30 gr di zucchero
  • 30 gr di noce di cocco a scaglie
  • 3 fogli di gelatina

Ingredienti per la gelée

  • 200 gr di ciliegie senza nocciolo
  • 20 cl di acqua
  • 4 cucchiaio di zucchero
  • 3 fogli di gelatina

Per la decorazione:

  • 4 ciliege
  • qualche scaglia di cioccolato o pepita

La ricetta è facile ma bisogna prevedere alcune ore di riposo in frigorifero, almeno 2. Per la mousse di cocco mi sono servita di mini copette in acciaio per creare una sfera ma è possibile utilizzare qualsiasi altra forma. Ho messo i 3 fogli di gelatina in acqua fredda per 10 minuti circa. Ho scaldato la crema di cocco con lo zucchero e il cocco e solo alla fine ho aggiunto i 3 fogli di gelatina ben strizzati. Ho mescolato e lasciato raffreddare. Ho poi montato la panna liquida e l’ho incorporata piano alla crema di cocco oramai raffreddata. Ho messo il composto nelle 4 semi sfere d’acciaio.

Per la gelée ho bollito per qualche minuto le ciliegie con l’acqua e lo zucchero e le ho poi mixate e con un passino ho separato la polpa dal succo. Ho rimesso sul fuoco il succo (nel pentolino) e ho inserito i foglio di gelatina ( dopo 10 minuti di ammollo in acqua fredda). Ho mescolato e messo in 4 piatti fondi. In frigo per almeno 2 ore.

Una volta trascorso il tempo indicato ho poi composto il dessert, predisponendo su ogni piatto una semisfera e decorando con una ciliegia e un po’ di cioccolata.

Ciliegie per me vuol dire anche Cesena. Perché? Bé questa città è la sede di un brand emergente che si chiama Come le Ciliegie. Valentina Amoroso, cura la realizzazione di abiti e accessori interamente pensati e fatti con stoffe, spesso vintage o di recupero.  L’atelier si trova a Cesena in via Fra Michelino 20, se passate da quelle parti, andatela a trovare 🙂 Le linee proposte dal brand sono moderne e piene di creatività! Non ci credete? Guardate che meraviglia! Per me è stato amore a prima vista!
Maglia gialla come le ciliegie

 

Vestiti come le ciliegie
Come le Ciliegie

 

 

 

 

 

 

 

Torta ai 3 gusti

Oggi ci regaliamo una nota di dolcezza ma nei limiti delle calorie vista l’imminente prova costume. Una ricetta con pochissimi grassi e interessante dal punto di vista dei valori natruzionali.

Con questa ricetta partecipo al contest Non-contest di Ricette Calorie per la categoria Dolci.

 

foto (2)Ingredienti:

  •  6 uova
  •  200 gr di zucchero
  •  200 gr di farina
  •  1 bustina di lievito
  •  buccia di un limone
  • 50 gr di albicocche secche
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere
  • un pizzico di sale

 

 

Continua a leggere

Tiramisù croccante: j’aime ta couleur café

Alla fine quello che conta è trasformare qualsiasi giornata in qualche cosa di speciale. Ecco questo è il pensiero della serata. Ho pensato la stessa cosa mentre realizzavo i miei mini tiramisù croccanti. Un dolce amato praticamente da tutti e che fa parte della cucina diciamo quotidiana o quasi di ogni italiano in loco e in trasferta come me.  Quello che ho cercato di fare è di valorizzare la crema al mascarpone servendola non sui classici savoiardi morbidi ma su croccantissime cialde al caffè.

foto(16) Per le cialdine:

– 3 albumi

– 120 g di zucchero

– 25 g di farina

– 35 g di burro fuso

– 125 g di polvere di mandorle

– 3 cucchiai di caffè in polvere

Continua a leggere

Recipe Pavlova: pirouette alla Chantilly

pavlova

E così è passato anche Ferragosto! Il mio è stato all’insegna della dolcezza e soprattutto mi sono fatta un bel bagno di panna! Mi sono tuffata in una ricetta fresca e golosa…ideale per festeggiare questa giornata piena di sole. Vi presento la mia Pavlova.

Eccola qui bella piena, leggera e quasi eterea come il personaggio da cui prende il nome.

Questo dolce originario dell’Australia o della Nuova Zelanda è stato inventato in onore della ballerina Anna Pavlova, famosa in fine ottocento.

Continua a leggere

La torta alle carote…è arrivata!

E ce l’abbiamo fatta! Finalmente sono riuscita a sfornare una torta alle carote come si deve! Devo dire che il risultato non era quello che immaginavo … in realtà collegavo l’immagine di questa torta alle Camille del Mulino Bianco. In ogni caso il gusto è veramente interessante come la sua estrema leggerezza!
Per realizzarla è facile, la fase più lunga è la preparazione degli ingredienti. Quindi ci vogliono:
– 4 uova
– 2 tazze da the di zucchero a velo
– 2 tazze da the abbondanti di farina
– 1 cucchiaino di cannella in polvere
– 1 bustina di lievito
– 2 cucchiaini di bicarbonato di sodio alimentare
– 1/2 tazzina da caffé di olio vegetale
– una spruzzata di polvere di vaniglia
– 3 tazze da the di carote tritate
– 1 cucchiaino di sale
– 1 tazza da the di nocciole spezzettate

Ci siamo! Imburrate e infarinate una teglia rettangolare e scaldate il forno a 180°.
Unite le uova, l’olio, lo zucchero e la polvere di vaniglia. A questo punto immergete lo sbattitore elettrico e lasciatelo andare per circa 3/4 minuti. Quando tutto è omogeneo inserite piano piano e mescolando la farina, il bicarbonato, il lievito, il sale e la cannella. Per ultime le carote e le nocciole.
Ecco fatto, adesso non vi resta che versare il composto nella teglia precedentemente imburrata e infarinata e inserite in forno per 50 minuti.
A cottura terminata, lasciate raffreddare la torta all’interno del forno per una ventina di minuti. Facile no?
Ora se volete aggiungere un gusto più sfizioso alla vostra tortina, vi consiglio di fare una bella crema al formaggio fresco… sì… formaggio fresco.
Per realizzarla vi servono:

– 70 g di burro
– 3 tazze da the di zucchero a velo
– 1 vaschetta di Philadelphia
– spolveratina di polvere di vaniglia

Mettete il burro in una ciotola media e inserite lo zucchero a velo e la vaniglia. A questo punto schiacciate il burro sullo zucchero e cercate di comporre una pasta omogenea. Vi sembrerà impossibile all’inizio ma basta solo un po’ di pazienza. Unite poi la Philadelphia e mescolate bene. Se il sapore vi sembra troppo dolce, aggiungete un po’ di panna da cucina secondo il vostro gusto. Io ho optato per questa opzione. Se poi volete proprio fare una cremina da chef 🙂 … aggiungete qualche nocciola spezzettata.
Questa torta è morbidissima e anche molto leggera. Se la cannella non vi piace potete non utilizzarla o sostituirla con un’altra spezia. Secondo me ci starebbero bene anche i semi di finocchio…

Per quanto riguarda il settore moda, non potevo non proporvi qualche chicca dal color carota! Ebbene sì, l’arancione, insieme al giallo è il colore del sole e della bella stagione sarebbe quindi un peccato non sfoggiarlo!

Spulciando nella rete ho trovato qualche prodotto che potrebbe valorizzare il vostro lato solare! Quindi che ne dite per esempio di questo maxi top proposto da Top Shop?

 

E di questa borsa Prada?

Altrimenti se volete optare per un accessorio semplice ma d’effetto non male sono questi due bracciali. Il primo realizzato da Sonia Rykiel, il secondo lo trovate sul sito di Nelly.

E per oggi, passo e chiudo!

Rosa cioccolato

Ieri sera sono stata invitata ad una cena da una cara amica.Ogni invitato doveva portare qualche cosa e a me è stato chiesto di preparare un dolce. Diciamo pure che il tempo libero in queste ultime settimane non so cosa sia e ho iniziato a pensare a qualche cosa dalla preparazione super fast! Nemmeno il tempo di andare a fare la spesa…Ho aperto il frigo e la mia attenzione si è subito posata su bei 4 vasetti di yogurt al lampone. Che ci faccio con 4 vasetti di yogurt? A quel punto, mentre lo stress iniziava a salire mi sono ricordata di avere 1 pacchetto di colla di pesce. “Bene”, mi sono detta, i due ingredienti essenziali ci sono adesso spazio alla fantasia. Ho iniziato a mettere 7 fogli e mezzo di colla in un recipiente pieno d’acqua e mi sono poi dedicata allo yogurt, che ho posto, non troppo delicatamente, in una ciotola. Ecco una spruzzata di zucchero a velo sullo yogurt. In seguito ho strizzato la colla e l’ho messa in un altro recipiente, questa volta di acqua calda, e ho fatto sciogliere il tutto. A questo punto ho unito i due composti sempre mescolando. Cosa manca? Un tocco croccante e una nota di carattere. Detto fatto! Nel composto ho inserito 60 gr di mandorle a scaglie per conferire un contrasto croccante alla futura gelatina. A questo punto, dritta dentro il frigo per almeno 3 ore. Per la nota di carattere, una volta trascorse le 3 ore, ho invece pensato a decorare le gelatine con un bel cioccolato nero fuso (un po’ prima) come si deve! Il risultato? Eccolo qui!

Gelatine allo yogurt e scaglie di mandorla al cioccolato

A questo punto bisogna pensare alla mise in tono con il dessert! Il colore dominante dev’essere per forza il rosa. E se non fosse stato così freddo mi sarebbe piaciuto presentare questo dessert così:

Una bella giacca incrociata e lavorata dalle tinte rosa, accompagnata da un paio di short di Dolce & Gabbana. Uno stile classico ma grintoso impreziosito da due bracciali uno di Alexander McQueen e l’altro di Philippe Audibert. E per concludere in bellezza una bella borsetta di Gucci, praticamente perfetta!

Non mi resta che darvi appuntamento al prossimo post!